L’ACQUA

L’ACQUA IN BOTTIGLIA

bottiglie-di-acqua

In italia le multinazionali vendono piu’ di 5 miliardi di bottiglie d’acqua oltre 2,8 miliardi di euro ogni anno. Se ci basiamo su questi numeri e ascoltiamo cio’ che ci racconta la pubblicità, allora è normale pensare che l’acqua in bottiglia sia la soluzione piu’ sana e sicura per la propria salute, ma la realtà puo essere diversa.
Nell’enorme business legato al mercato dell’acqua in bottiglia forse non tutti sanno che:
Le leggi italiane hanno consentito per oltre 30 anni alle acque in bottiglia la presenza di elementi chimici (come ad esempio:arsenico, cadmio, floruro, ecc.) in quantità molto piu’ elevate rispetto alle acque del rubinetto. Solo recentemente, dal 1 gennaio 2005, quando il governo ha finalmente imposto nuovi limiti di tutela per certi elementi nocivi, sono state dichiarate fuori legge ben 115 marche. A tutto cio’ bisogna anche aggiungere che, i controlli fatti sulle acque in bottiglia, sono meno frequenti rispetto ai controlli fatti negli acquedotti.
L’acqua messa nelle bottiglie di plastica puo essere pericolosa. Se, infatti, la bottiglia viene esposta al sole o ad alte temperature, la plastica delle bottiglie (PET) puo rilasciare delle sostanze nocive. Le bottiglie di plastica dell’acqua minerale stanno divendando unvero problema, faticose da trasportare a casa e inquinanti perchè non biodegradabili, in italia vengono prodotti quasi 9 miliardi di litri d’acqua che ogni anno percorrono, soprattutto su camion, migliaia di km contribuendo fortemente al riscaldamento globale del pianetà.

L’AQUA DEL RUBINETTO

index

Nelle città italiane, pur essendo mediamente di buona qualità (spesso superiore a molte acque in bottiglia) presenta comunque alcuni svantaggi: il cloro, che garantisce la potabilità dell’acqua, quando è in dosi eccessive altera il gusto dell’acqua rendendola non gradevole. Del resto quanta gente si rifiuta di bere l’acqua del rubinetto per il semplice fatto che gli ricorda l’acqua della piscina? Inoltre quando il cloro viene aggiunto all’acqua, esso si combina con i minerali presenti nell’acqua e forma sotto prodotti del cloro detti “trialometani”, che scatenano la produzione di radicali liberi nel corpo.
Puo’ contenere, in base al punto di prelievo, falda acquifera, fiume, lago, ecc.e, in base al comune in cui viene trattata, alcuni elementi chimici dannosi.
Gli stessi, spesso, sono troppo vicini alle soglie massime consentite della legge italiana. Per quanto l’acquedotto ci garantisca un’acqua buona ,tale procedimento può essere vanificato nel  percorso che  l’acqua compie nelle turbatere  fino a casa tua.Questa condizione aumenta tanto più le tubature sono vecchie e quanto maggiore è la distanza della tua abitazione. Dedicare più attenzione alle risorse idriche: preservare le sorgenti,le falde,i pozzi; migliorare la qualità dell’ acqua; mantenere in efficienza le reti acquedottistiche, che oggi in Italia, mediamente, perdono più del 40% dell’ acqua trasportata, è un dovere verso le generazioni future.

L’ACQUA FILTRATA

FER_1140

I filtri che purificano l’acqua sono efficaci?
Questa è la domanda che si pongono ogni anno milioni di italiani, stufi di pagare e trasportare l’acqua in bottiglia e dubiosi dell’efficacia dei filtri. Ecco la realtà dei fatti…
E’ vero, sul mercato esistono alcuni impianti di depurazione dell’acqua potabile che non solo sono poco efficaci ma peggiorano la qualità dell’acqua. L’efficacia di tali sistemi è da ricercare dai materiali usati per l’assemblaggio degli stessi, ogni componente deve avere le certificazioni rilasciate dagli enti proposti e riconosciuti. Esistono impianti di purificazione dell’acqua potabile che funzionano egregiamente e possono eliminare fino al 99% delle sostanze indesiderate presenti nell’acqua del rubinetto, rendendo di fatto l’acqua che beviamo e cuciniamo molto buona e sicura. Tali impianti vengono utilizzati, dalle Associazioni Umanitarie, dai laboratori chimici, dalle industrie, dagli stessi acquedotti per produrre e consumare acqua potabile in grandissima quantità. Perchè allora si è cercato piu’ volte di screditare l’efficienza degli impianti di purificazione? Non sarà forse per gli enormi interessi commerciali e pubblicitari legati al business delle acque minerali, e si para a zero su tutti i tipi di impianti?

GUARDA IL VIDEO
La Storia dell’Acqua in Bottiglia

 

[video_lightbox_youtube video_id=”E8b27Iqpw2w” width=”640″ height=”480″ auto_thumb=”1″]